[Gamescom 2018] FIFA 19 – Provato

[Gamescom 2018] FIFA 19 – Provato

Durante la Gamescom 2018 la redazione di Tribe Games ha avuto il piacere di provare con mano, presso l’esclusiva Hall di Electronic Arts, il nuovo appuntamento con la serie sportiva per eccellenza: FIFA 19.

La sessione di prova si è aperta con una interessante presentazione, che ha svelato gli elementi principali che caratterizzeranno la nuova uscita del titolo sportivo di EA Sports. Ovviamente la parte del leone l’ha fatta la già annunciata aggiunta della licenza della Uefa Champions League, ma grande importanza ha rivestito anche la rinnovata modalità Kick Off.
Selezionandola si potrà accedere sia al match rapido classico che a 5 tipologie di partire: Partita di Champions League, Match Best of, Partite Andata e Ritorno, Finali di Coppa ed infine le “Regole della Casa”, che permetteranno di personalizzare una partita nei modi più fantasiosi, ad esempio attivando la modalità Survival, disattivando le regole o rendendo validi solo i gol fatti in rovesciata/colpo di testa (e sono solo alcuni delle numerose personalizzazioni possibili).
Legato alla modalità Kick Off vi sarà il Kick Off Name, che terrà traccia di ogni analitica e statistica di ogni match giocato nella modalità Kick Off, in modo da poterle utilizzare sia come materiale di studio per aggiustare le proprie tattiche di gioco, sia per fare comparazioni con le statistiche degli amici: il Kick Off Name potrà infatti essere collegato al proprio ID Online ed essere quindi caricato ed utilizzato ovunque un giocatore desideri, anche su console altrui (Il Kick Off name non sarà però Cross Play e perciò il Kick off name creato su una Console Sony potrà essere usato solo con console Sony ad esempio)
Dopo aver assistito ad una panoramica sul FIFA 19 Ultimate Team (del quale non sono state annunciate al momento particolari novità) e la modalità Storia “The Journey: Champions”, che continuerà a seguire le vicende di Alex Hunter, intersecandole però con la storia della sorella Kim Hunter e quella del suo miglior amico Danny Williams, ci siamo finalmente lanciati nell’azione.

Uno degli obiettivi centrali di questo provato era testare con mano le 4 principali novità inserite nel gameplay di FIFA 19
La prima novità riguarda l’introduzione delle Tattiche Avanzate: prima della partita sarà infatti possibile preparare diverse tattiche di squadra, che si potranno assegnare ai tasti del D-pad e richiamare in qualunque momento per eseguire un cambio di strategia dinamico a seconda di quello che sta avvenendo in campo, cambio che avviene in maniera rapida, intuitiva ed efficiente visto anche i notevoli miglioramenti che abbiamo potuto rilevare nell’IA dei compagni. Interessante anche il fatto che le tattiche speciali non riguarderanno tutta la squadra, ma potranno anche essere impostate in maniera situazionale inquadrando solo un certo quantitativo di giocatori, ad esempio quelli coinvolti nei calci d’angolo o nelle rimesse da bordo campo.
La seconda novità che abbiamo potuto testare con mano è stati il cosiddetto Active Touch System, sistema già accennato nel precedente titolo ma completamente rinnovato per Fifa 2019. Questo sistema andrà ad alterare le dinamiche con cui ciascun giocatore riceve la palla, aprendo nuove opzioni per poter mantenere il possesso di palla contro gli avversari. Legato al ATS vi sarà anche un nuovo sistema di finte. Il feeling dei dribbling e dei passaggi inoltre è stato incredibilmente migliorato, complice anche il nuovo sistema denominato “50/50 Battles”, che introduce un elemento di probabilità nel successo degli svariati passaggi e che richiederà, per essere contrastato, una maggiore precisione per mantenere il controllo di palla.
L’ultima della 4 novità che abbiamo potuto testare con mano è il nuovo sistema di tiro, piuttosto divertente anche se arduo da gestire, che fortunatamente però non sostituisce le classiche meccaniche di tiro. La nuova meccanica si potrà attivare premendo rapidamente il tasti di titolo e poi mantendolo premuto per alcuni attimi prima che il piede del giocatore colpisca la passa.
Per quanto non necessario, questo nuovo sistema tecnico di richio/ricompensa aumenterà in maniera notevole la forza e la precisione del tiro in caso di successo, aggiungendo un opzionale ma gradito velo di tecnicità agli scontri. Non abbiamo invece riscontrato particolari novità  nell’esecuzione dei rigori o nei tiri di punizione, rimasti pressochè identitici a FIFA 2018

Una volta testate queste novità nella modalità di allenamento, siamo passati ad un match vero e proprio e per questo motivo non vedo una conclusione migliore a questo articolo se non una breve telecronaca del match che ha visto la Juventus, fresca dell’acquisto di Cristiano Ronaldo, affrontare in quel dell’Allianz Stadium la terribile minaccia degli irlandesi del Bray Wanderers.
Dopo un primo tempo al cardiopalma, con un possesso di palla ottimo e numerosi tentativi di tirare in porta falliti, i Bianconeri si sono scatenati rifilando una tripletta di gol ai gabbiani irlandesi nel giro di una ventina di minuti: doppietta di Cristian Ronaldo al 70esimo e al 83esimo minuto ed un gol in extremis al terzo minuto di recupero da parte di Costa.
Siamo certi che questo sarà ricordato come uno dei match più emozionanti della stagione calcistica appena iniziata e che nessuno dubiterà mai del perchè una squadra valutata mezza stella sia stata piazzata sulla strada di una delle squadre a 5 stelle più forti del gioco.

FIFA 19 si prospetta nuovamente come il vincitore del titolo di miglior simulazione calcistica, grazie a numerose piccole ma interessanti aggiunte di gameplay, che vanno ad ottimizzare un sistema di gioco già perfettamente rodato e funzionante. La modalità Kick-Off e la nuova modalità The Journey appaiono come le ciliegine sulla torta di una titolo confezionato alla perfezione, l’unico piccolo neo è, al momento, la mancanza di informazioni su eventuali novità riguardanti il FIFA Ultimate Team.

FIFA 19 uscirà il 28 settembre 2018 su PlayStation 4, Nintendo Switch, Xbox One, PlayStation 3, Xbox 360 e PC.

https://www.youtube.com/watch?v=lrr3BnsU1Qs

Dopo anni passati ad elemosinare Game Boy/Megadrive/Snes da parenti ed amici, la mia vita è cominciata ufficialmente nel 1997 quando mi fu regalata la mia prima PlayStation. Tutto sembrava andare bene, giocavo a giochi abbastanza normali come Spyro, Crash o Tomb Raider ma, ahimè, un giorno da mio zio vidi un curioso videogioco, con personaggi strambi e un gameplay stranamente magnetico. Quel gioco era Final Fantasy VII e fu l'inizio della mia grave malattia ossessivo-compulsiva verso quel magico e colorato universo chiamato JRPG! Nel tempo libero ascolto la musica di Satana, l'Heavy Metal e combatto una coraggiosa battaglia contro il tempo e la genetica per mantenere viva la mia forte chioma. Per ora sto vincendo.

Leave a Reply

Lost Password

Sign Up